Inizio - Attualità »
Presentazione »
Approfondimenti »
Notizie archiviate »
Notiziari »
Arretrati »
Selezione in PDF »
Articoli vari»
Testimonianze »
Riflessioni »
Testi audio »
Libri »
Questionario »
Immagini »
Video »
Scrivici »
Presentazione


Questo sito nasce da un amore per Israele che ha la sua motivazione profonda nella fede in Gesù Cristo, Messia d’Israele e Signore del mondo, secondo quanto affermano le Sacre Scritture (Antico e Nuovo Testamento).
Esprime convinzioni e sentimenti largamente diffusi tra i cristiani evangelici di tutto il mondo, e non è quindi espressione di una particolare denominazione o chiesa.
Si rivolge in primo luogo ai “gentili”, cioè ai non ebrei, e in particolare ai cristiani, perché considera scandalose le prese di posizioni antiebraiche del passato e del presente motivate da riferimenti teologici che vorrebbero essere biblici.
Non ha pretese di originalità. Desidera soltanto collaborare alla diffusione di notizie su Israele e sul mondo ebraico che, per quanto possibile, corrispondano a verità, ma senza nascondersi dietro un’ipocrita affermazione di neutralità, perché la scelta per Israele, per il suo Stato e per la sua diaspora, è chiara e netta.
Fornisce notizie e propone criteri di interpretazione, perché non considera accettabile che su una questione come quella ebraica ci sia chi s’interessa solo di Bibbia e chi s’interessa solo di fatti storici e politici.
Non si aspetta di riscuotere particolari simpatie nel mondo ebraico, né tanto meno si propone di procurarsi accessi privilegiati a quell’ambiente, ben sapendo che lo “scandalo” di Cristo non è facilmente aggirabile. Spera comunque che i discendenti di Giacobbe, che certamente avvertono l’odio immotivato che da tante parti li circonda, avvertano anche un amore che a loro apparirà forse immotivato (e a qualcuno sospetto), ma che invece ha una motivazione precisa: quella detta all’inizio.
Pur desiderando che ogni persona accolga l’evangelo di Gesù Cristo, perché sta scritto che “esso è la potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede, del Giudeo prima e poi del Greco” (Romani 1:16), lo scopo di questo specifico servizio non è quello di “convertire” qualche ebreo al cristianesimo. Si documenta però con gioia l’esistenza del movimento degli ebrei messianici, che anche se può essere valutato in diversi modi, in nessun caso può essere trascurato, né da chi ha interessi biblici, né da chi ha interessi storici.

Per un approfondimento.