Inizio - Attualità »
Presentazione »
Approfondimenti »
Notizie archiviate »
Notiziari »
Arretrati »
Selezione in PDF »
Articoli vari»
Testimonianze »
Riflessioni »
Testi audio »
Libri »
Questionario »
Immagini »
Video »
Scrivici »
Approfondimenti



L'antisemitismo è come l'acqua

di Marcello Cicchese

Come ghiaccio acqua e vapore, antigiudaismo antisemitismo e antisionismo sono diversi stati in cui si presenta nella storia la medesima sostanza, con la medesima struttura spirituale: l'odio antiebraico.

(Notizie su Israele)



Da Yosef a Giuseppe

di Giacobbe Damkani

«Lei non riuscirà a convincermi che questo Gesù è menzionato nel Tanach! E' soltanto un'invenzione dei cristiani. Il Tanach è un libro puramente ebraico, privo di ogni dottrina cristiana!»

(Notizie su Israele)



Carlo Antonio Zanini e il dialogo ebraico-cristiano

di Rinaldo Diprose

Prima ancora di Leon Pinsker e prima che Theodor Herzl scrivesse il suo libro "Lo Stato ebraico", un rabbino ed un evangelista discutono tra loro sul tema del ritorno a Sion degli ebrei.

(Notizie su Israele, 25 marzo 2015)



«Amos, Amos, perché mi deridi?»

di Marcello Cicchese

Nel dibattito interno al sionismo tra nazionalisti e universalisti, Amos Oz fa entrare la figura di Gesù. Quale Gesù? Quello tramandato dai Vangeli o quello inventato dall'autore del romanzo "Giuda"?

(Notizie su Israele)



Antisemitismo evangelico

di Marcello Cicchese

Accanto a un antisemitismo militante, facilmente riconoscibile, esiste un antisemitismo quiescente che può restare in stand by per molto tempo e, purtroppo, attivarsi nei momenti critici meno adatti.

(Chiamata di Mezzanotte, Nr.11/12 2014)



Storia e leggende del Monte del Tempio

di Emiliano Di Silvestro

Intervista all'archeologo Gabriel Barkay, docente all'università Bar Ilan di Tel Aviv, scopritore delle Silver scrolls, le più antiche iscrizioni bibliche mai ritrovate, fondatore del Temple Mount Sifting project.

(Limes, 11 novembre 2014)



La fedeltà di Dio nei confronti di Israele

da Chiamata di Mezzanotte

Israele continua ad avere un ruolo importante nel piano di salvezza di Dio e per questa ragione è fondamentale che determinati passi degli evangeli, ma anche degli scritti apostolici, non siano fraintesi ma interpretati in modo corretto.

(Chiamata di Mezzanotte, ottobre 2014)



Nakba, una lunga menzogna che allontana la pace

di Moshe Arens

La Nakba è una sfacciata menzogna. Indipendentemente da quante manifestazioni si svolgano in Israele e in altre parti del mondo, da quante bandiere dell'Olp vengano issate, rimane sempre una bugia.

(Ha'aretz, 12 maggio 2014)



Adolf Hitler e il Muftì di Gerusalemme

di Alberto Rosselli

Storia della strana e per molti versi ancora sconosciuta intesa che, tra il 1934 e il 1945, legò saldamente le sorti del Movimento Arabo Palestinese capeggiato dal Gran Muftì di Gerusalemme a quelle del nazismo e del Terzo Reich.

(Amici d'Israele, 2002)



Finanza ed ebraismo, un coacervo di luoghi comuni

di Andrea Telara

Sono molti gli stereotipi sul rapporto tra la cultura giudaica il mondo della finanza, tutti strettamente connessi alle attività economiche di questa comunità, anziché alla sua religione.

(BusinessPeople, 2 gennaio 2014)



I due tempi del Messia

di Rinaldo Diprose

Molte incomprensioni riguardanti i tempi messianici possono essere superate se si tiene conto dei due avventi del Messia prospettati in alcuni degli Scritti sacri d'Israele e nel Nuovo Testamento.

(8o Convegno Evangelici d'Italia per Israele, Pomezia, 5-8 Dicembre, 2009)



O ebreo o cristiano. Ma è proprio vero?

di Marcello Cicchese

O sei ebreo, o sei cristiano: aut-aut. Ma siamo proprio sicuri che sia così? Daniel Boyarin, professore di Cultura talmudica all'Università della California, riconosciuto come uno dei maggiori studiosi di Talmud, lo mette in dubbio.

(Notizie su Israele, maggio 2013)



La complicità dell'islam con il regime nazista

di F. Netri

Nel maggio 1941 il gran muftì proclamò la jihad dei musulmani del mondo a fianco dell'Asse nazifascista, sciorinando una serie di fandonie storiche che sono utilizzate ancora oggi per giustificare la violenza dell'integralismo islamista.

(TicinOnline.ch, 6 febbraio 2013)



Il sionismo durante e dopo la prima guerra mondiale

da Enciclopedia Italiana Treccani

Il 24 aprile 1920 il consiglio delle Potenze alleate vincitrici nella prima guerra mondiale decideva, a Sanremo, che la dichiarazione di Balfour fosse inclusa nel trattato di pace con la Turchia.

(Enciclopedia Italiana Treccani, Vol. XXXI, pag. 865)



Gli stati arabi in Medio Oriente, frutto del colonialismo europeo frustrato

di Ettore Finzi

Con l'occupazione britannica della Palestina ha inizio un periodo che terminerà nell'estate del 1939, alla vigilia dello scoppio della Il Guerra Mondiale. In questo tempo si svolge una lotta politica, spesso violenta, tra arabi, ebrei e inglesi.

(Notizie su Israele, 9 febbraio 2013)



La comunità ebraica in Croazia

di Sandy Gentilezza

La storia della comunità ebraica in Croazia rivela inaspettate influenze sullo sviluppo culturale e politico del paese. Le prime testimonianze di un insediamento ebraico su questo territorio risalgono al II-IV secolo d.C.

(Osservatorio Balcani e Caucaso, 11 dicembre 2012)



Fondamenta dei Diritti Legali Internazionali dello Stato di Israele

di Cynthia D. Wallace

Le fondamenta primarie del diritto internazionale per la rivendicazione "legale" del popolo ebraico sulla Palestina sono le decisioni di Sanremo dell'aprile 1920.

(Da "Foundations of the International Legal Rights of the Jewish People and the State of Israel")



Qualche riflessione sulla Giornata europea della cultura ebraica

di Antonella Castelnuovo

In questa giornata noi ebrei abbiamo la possibilità di veicolare i nostri valori, le nostre tradizioni, i nostri usi e costumi, ma l'ostilità ed i pregiudizi purtroppo non si riducono solo attraverso il contatto diretto e con l'apertura all'esterno.

(Pagine ebraiche, ottobre 2012)



Il Dio d’Israele è diverso

da un libro di Jacob Damkani

«Se lei riteneva che si stesse commettendo una pubblica offesa», disse il poliziotto israeliano pazientemente, «avrebbe dovuto prendere il telefono e chiamare la polizia. In nessun caso avrebbe dovuto usare i pugni!»

(da "Leone di Pietra, Leone di Giuda", cap. 21)



Biotecnologie, internet, computer: Israele nuova culla dell'innovazione

di Alberto Stabile

Con un prepotente balzo in avanti lo stato ebraico ospita una sempre più ricca serie di aziende dell'hi-tech: qui sono state inventate innovazioni fondamentali oggi diffuse in tutto il mondo.

(la Repubblica, 17 settembre 2012)



Ebreo per parte di madre

di Fabien Ghez

La domanda "Chi è ebreo?" è da millenni un argomento di eterno dibattito ed eterna discordia. Dopo la fondazione dello Stato di Israele e con l'immigrazione degli ebrei sovietici la questione ha assunto un'asprezza ancora maggiore.

(Temps et Contretemps, 23 Agosto 2012)



Ridurre i danni causati dall'Unrwa

di Steven J. Rosen e Daniel Pipes

Da oltre sessant'anni l'Unrwa è diventata un'agenzia che perpetua il problema dei rifugiati piuttosto che contribuire a risolverlo. Le sue scuole insegnano l'incitamento all'odio. Le sue politiche incoraggiano una mentalità vittimistica.

(The Jerusalem Post, 10 luglio 2012 )



Acquapendente Ebraica nella “Carta Cum Hebreos” (1488)

di Fabio Marco Fabbri

Una ricerca sulla presenza ebraica ad Acquapendente (VT), basata sullo studio di un rogito notarile, effettuato nel 1488, con cui si autorizzano gli ebrei acquesiani ad aprire un banco di prestito e ad acquistare terra per la sepoltura.

(Notizie su Israele, 27 giugno 2012)



Per le strade d'Israele, inseguendo Dan Bahat

di Marcello Cicchese

Per dieci giorni l'abbiamo inseguito, in senso fisico e culturale. In senso fisico, perché facevamo fatica a stare al suo passo; in senso culturale, perché le sue spiegazioni richiedevano uno sforzo di attenzione superiore al solito.

(Notizie su Israele, 17 maggio 2012)



Aveva demandato al Führer la sovranità sui suoi sentimenti

di Helga Schneider

«Non potevo permettermi pena e rammarico per chi meritava di stare in un campo come Birkenau. Ero della Waffen-SS, io. Non potevo permettermi il sentimentalismo della gente comune».

(da "Lasciami andare, madre")



Israele, unica isola che protegge i cristiani in Medio Oriente

di Michael Oren

L'estinzione delle comunità cristiane in Medio Oriente costituisce un'ingiustizia di dimensioni storiche. Eppure Israele rappresenta un esempio di come questa tendenza possa essere non solo prevenuta, ma ribaltata.

(Wall Street Journal, 9 marzo 2012 - da israele.net)



Provocare a gelosia gli ebrei con una nazione senza intelligenza

di Johannes Gerloff

Se cerchiamo di mostrare a Israele quanto siamo intelligenti, ragionevoli e saggi, gli togliamo la possibilità di meravigliarsi del fatto che Dio si è manifestato a quelli che non chiedevano di Lui.

(Notizie su Israele, 28 marzo 2012)



A Birobidzhan! A Birobidzhan!

di Marek Halter

Fondata da Stalin ottant'anni fa, celebrata come "l'Israele siberiana" e poi dimenticata, la prima repubblica ebraica ancora oggi è uno sperduto baluardo della cultura e della lingua yiddish.

(la Repubblica, 4 marzo 2012)



Una delle più subdole maschere del nuovo antisemitismo

di David Meghnagi

L'antisemitismo per esprimersi oggi ha bisogno di mascherarsi. Come? Spostando in apparenza le ragioni dell'opposizione e dell'ostilità. Basta cambiare il nome di ebreo con Israele e dichiararsi "antisionisti" ma non antisemiti.

(Informazione Corretta, 20 febbraio 2012)



Invidia, motore dell'Olocausto

di Claudio Guidi

Götz Aly prende in esame la storia tedesca dal 1800 al 1933 e giunge alla conclusione che il motore principale dell'antisemitismo germanico è stato il Neid, l'invidia verso gli ebrei, che in Germania si erano socialmente emancipati.

(Il Secolo XIX, 18 agosto 2011)



1943: La stella di Davide sventola sulla Sicilia

di Nicolò Bucaria

L'8 giugno 1943, alle prime luci dell'alba, un'avaria al motore costrinse un ricognitore della Royal Air Force partito da Malta a chiedere un atterraggio di emergenza alla guarnigione italiana di Lampedusa.

(Girodivite, 11 marzo 2011)



Memoria come coscienza della Storia

di Georges Bensoussan

Georges Bensoussan sottolinea i gravissimi rischi di rendere la Memoria e i luoghi di memoria componenti di una religione civile. Indica il pericolo di assecondare la falsata immagine di un popolo vittima predestinata.

(Pagine Ebraiche, febbraio 2012)



Ben Abraham, una voce instancabile

di "Nachrichten aus Israel"

«Mi sono imposto come incarico di vita di scrivere sul tempo del nazismo e di parlare su questo argomento ovunque sia invitato: in scuole, università, chiese, alla radio e alla televisione. Questo è il mio incarico contro la dimenticanza.»

(Nachrichten aus Israel, gennaio 2012)



Caccia all'ebreo, la lista di Puglia

di Vito Antonio Leuzzi

Il racconto della persecuzione degli ebrei in Puglia, in seguito al varo delle leggi razziali volute dal fascismo, si è ampliato in questi ultimi anni grazie a nuovi studi, dopo l'oblio dei decenni postbellici.

(La Gazzetta del Mezzogiorno, 25 gennaio 2012)



La persecuzione dei cristiani

di David Harris

Quante chiese cristiane devono ancora essere attaccate, quanti fedeli cristiani devono ancora essere uccisi, quante famiglie cristiane ancora devono emigrare prima che il silenzio sia veramente rotto?

(Opinione, 11 gennaio 2012)



Ultraortodossia e modernizzazione

di Giovanni Quer

Il mondo dei haredim non è per nulla omogeneo e imparare a conoscerlo è divenuto in Israele il passo fondamentale verso l'integrazione di un settore di popolazione che presto sarà la maggioranza.

(Informazione Corretta, 20 dicembre 2011)



L'anno in cui gli arabi scoprirono la Palestina

di Daniel Pipes

Sino alla fine del XIX secolo, coloro che vivevano tra il fiume Giordano e il Mediterraneo si identificavano essenzialmente in termini di religione. Vivere in quell'area non implicava alcun sentimento di comune obiettivo politico.

(dall’Archivio italiano di Daniel Pipes)



Gli ebrei a San'à

di Ebla Ahmed

Gli ebrei dello Yemen si sono stabiliti pacificamente, specializzandosi in molti mestieri che normalmente vengono evitati dai musulmani Zaydi yemeniti. La convivenza è facilitata dalla reciproca dipendenza economica e sociale.

((L'Indro, 12 dicembre 2011))



Le persecuzioni a Praga in un documento inedito del 1745

di Mario Avagliano

In un eccezionale documento inedito del 1745, la comunità ebraica di Praga denuncia il massacro compiuto dalle truppe ungheresi a danno delle inermi popolazioni del ghetto e chiede aiuto e "compassione" ai "fratelli" italiani.

(Pagine Ebraiche, dicembre 2011)



Alle origini dell'imbroglio britannico

di Marcello Cicchese

Con un atteggiamento ambiguo e fraudolento, dopo la Prima guerra mondiale la Gran Bretagna è riuscita a modificare e annullare il Mandato per la Palestina che imponeva la nascita dello Stato ebraico.

(Notizie su Israele, 24 novembre 2011)



UNESCO: l'obiettivo è cancellare la storia ebraica dalla terra di Israele

di Emanuel Segre Amar

Gli sforzi dell'UNESCO nel negare i legami ebraici con Gerusalemme sono continuati nel corso degli anni: nel 1989 ha condannato "l'occupazione israeliana di Gerusalemme" sostenendo che distruggeva la città.

(www.romaebraica.it, 8 novembre 2011)



La verità è semplice: non vogliono alcun compromesso, vogliono tutto

di Barry Rubin

Indipendentemente da quanto le si offra - soldi, concessioni ed anche passi avanti verso l'indipendenza - la risposta dell'Autorità Palestinese è sempre "no". Molti sembrano fare una grande fatica a capire questo singolare fenomeno.

(Jerusalem Post, 16 ottobre 2011 - da israele.net)



Israele: erede sfruttato, raggirato e bastonato

di Marcello Cicchese

Il tutore cominciò a farsi gli affari suoi a spese dell'erede: si rivendette una grossa parte dell'eredità, falsificò i documenti che stabilivano i diritti dell'erede, prese a trattare male il bambino per poter continuare i suoi commerci.

(Notizie su Israele, 25 settembre 2011)



Il diritto di Israele di vivere nella sua terra ha una dimensione religiosa

di Rinaldo Diprose

Il diritto di Israele di vivere nella terra dei suoi padri ha una dimensione religiosa. Sapere che la vera posta in gioco è l'onore di Dio e che Egli ha fatto delle promesse precise, dovrebbe dare speranza alla parte israeliana.

(Notizie su Israele, 25 settembre 2011)



Pensando al domani: giovani ebrei e futuro in Italia

di Tobia Zevi

Molti anni fa - frequentavo ancora l'asilo - mi misi a inseguire un mio compagno di classe, tempestandolo con un'unica, insistente domanda: «Ma tu sei ebreo?». A un certo punto il coetaneo si voltò di scatto e mi rispose: «Aho, io so' Jacopo».

(UCEI, Giornata della Cultura Ebraica, 4 settembre 2011)



Diritti legali del popolo ebraico sulla Terra d'Israele e Palestina

di Howard Grief

Obiettivo di questo articolo è di esporre in modo succinto, ma chiaro e preciso, i diritti legali e il titolo di sovranità del popolo ebraico sulla Terra d'Israele e Palestina secondo il diritto internazionale.

(A Journal of Politics and the Arts, Vol.2 / 2004)



Idee sbagliate sul fondamento giuridico di Israele

di Howard Grief

E' molto diffusa, anche tra i leader del governo di Israele e tra i media, l'idea errata che lo Stato di Israele derivi la sua esistenza giuridica dalla Risoluzione 181 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 29 novembre 1947.

(Mideast Outpost, 20 luglio 2010)



Il Magen David Adom

da Wikipedia

Il Magen David Adom (che in ebraico significa Scudo di Davide Rosso, ma generalmente viene tradotto Stella di Davide Rossa) è il servizio ufficiale per le urgenze in Israele, sia per le ambulanze che per le donazioni del sangue.

(Wikipedia francese)



Israele e l'universalismo ideologico postmoderno

di Marcello Cicchese

L'universalismo odierno persegue la composizione armoniosa di un variopinto "mazzolin di fiori" in cui ogni cultura è un fiore che deve occupare ordinatamente il suo posto senza pretendere di essere lei a dare il colore dominante.

(Notizie su Israele, 15 agosto 2011)



Il secolo ebraico e l'assimilazione

di Ugo Volli

Com'è potuto accadere che in meno di due secoli, proprio mentre molti ebrei godevano della maggiore libertà e prosperità della storia, l'ebraismo europeo sia avvizzito e si sia frantumato come un albero colpito dal fulmine?

(Notiziario Ucei, 14 agosto 2011)



Con lo status di eterno profugo i paesi arabi gabbano i palestinesi

di Dimitri Buffa

Dal 1948 a oggi i palestinesi con lo status di profugo si sono moltiplicati per dieci. E si sono anche accorti che sono gli unici esseri umani al mondo a nascere direttamente con lo status di profugo.

(l'Opinione, 1 agosto 2011)



Gli «interstizi» del Ghetto

di Riccardo Calimani

Ebrei e cristiani, pur contigui, vissero veramente separati a Venezia e nei suoi domini nel periodo che va dal tardo Medioevo all'età moderna? In apparenza la risposta a questa domanda sembra semplice.

(Corriere del Veneto, 9 luglio 2011)



La Palestina non è stata rubata, ma Israele è stato acquistato

di Daniel Pipes

"I sionisti hanno rubato la terra dei palestinesi". È questo il mantra che l'Autorità palestinese e Hamas insegnano ai loro bambini. L'accusa di furto tende a minare la posizione dello Stato ebraico a livello internazionale.

(Liberal, 25 giugno 2011)



Ben Gurion ha compiuto il capolavoro di restituire Israele al suo popolo

di Andrea Carrubba

La figura di Ben Gurion è indiscutibilmente legata alla nascita dello stato di Israele. Politico dotato di eccezionale acume strategico, leader carismatico, è riuscito a concretizzare il sogno di restituire Israele al suo popolo.

('Occidentale, 24 giugno 2011)



A Roma, in via Panisperna, ci inventavamo il nucleare

di Alessandro Marzo Magno

C'è stato un periodo, negli anni Trenta, in cui l'Italia era all'avanguardia mondiale nella fisica nucleare. Poi vennero le leggi razziali e il gruppo di via Panisperna si disperse.

(Linkiesta, 12 giugno 2011)



Un processo di pace con la condanna a morte di uno stato

di Alan D. Baumann

Non è sufficiente imporre ad Israele di tornare ai confini del 1967 per stabilire la vita eterna di due stati. Con quelle frontiere Israele sarebbe un facile boccone per l'estremismo arabo.

(L'ideale, 30 maggio 2011)



Israele: dall'isolamento alla sparizione?

di Deborah Fait

Prendete la lente di ingrandimento e guardate bene dove si trova Israele, in mezzo all'immensità del mondo arabo che lo vorrebbe eliminare da ormai 63 anni.

(L’Indro, 24 maggio 2011))



La cacciata degli ebrei dai paesi arabi, una storia sconosciuta


di Deborah Fait

I palestinesi anziché celebrare il disastro per la fondazione di Israele, dovrebbero capire di essere stati usati come carne da macello dai loro fratelli arabi, per un unico scopo: distruggere Israele.

(Informazione Corretta, 17 maggio 2011)




I tecno rabbini della rivoluzione Nanach

di Mario Catania e Mattia Coletto

Il movimento Nanach è l'ultima evoluzione del chassidismo breslev. Spinti dal fervore mistico, giovani ebrei ultra-ortodossi attraversano Israele a bordo di furgoni psichedelici affidando le loro preghiere alla musica elettronica.

(News 2U, 16 maggio 2011)



Io, «giardiniere» di lingue perdute. Così ho imparato l'ebraico antico

di Erri De Luca

Studiare una lingua è come piantare un albero. All'inizio stenta, viene da un vivaio lui e da una grammatica lei. Poi lentamente si affrancano dal punto di partenza e lentamente attecchiscono nei giorni.

(Corriere della Sera, 5 maggio 2011)



Ebrei in camicia nera, l'assurda alleanza

di Anna Foa

Nel 1922, quando il fascismo prende il potere in Italia, gli ebrei - una piccolissima minoranza della popolazione, circa 45000, cioè l'uno su mille - erano profondamente integrati nel contesto sociale e culturale del Paese.

(Avvenire, 5 maggio 2011)



Quel lungo filo tra Romania e Israele

di Rodolfo Bastianelli

I rapporti tra Israele e Romania costituiscono una delle pagine più interessanti nella storia delle relazioni internazionali. I legami tra Bucarest e Gerusalemme sono sempre stati di tipo speciale non solo sul piano politico, ma anche culturale.

(fareitalia, 4 maggio 2011)



Venezia, i profumi del Ghetto

di Giuseppe Milano

C'è chi è arrivato a definirla l'ultima parte genuina di Venezia. Sempre cosmopolita, ma ancora non soffocata dal turismo di massa. Qui i tempi sono dettati dai ritmi di una religione antica e fiera come l'ebraismo.

(Gazzetta di Parma, 3 maggio 2011)



Essere ebrei a Roma

di Oreste Paliotti

Gli ebrei i Roma discendono da gruppi giunti da luoghi diversi. Il primo nucleo si affacciò ai tempi dell'espansione di Roma; un gruppo più consistente arrivò dopo la distruzione del Tempio di Gerusalemme ad opera di Tito.

(Città Nuova, 4 aprile 2011)



Il beato e gli Ebrei. Una storia oscura

di Giancarlo Montorfano

La Lombardia settentrionale ebbe una rara presenza ebraica, anche a causa della predicazione antisemitica del beato Michele Carcano, che apparteneva alla nobile famiglia che trae la sua origine da Bregnano e Lomazzo.

(La Provincia, 25 gennaio 2011)



Ultra ortodossi Neturei Karta

di Giulio Busi

«Neturei Karta», movimento ebraico religioso con radici risalenti al primo Novecento, si oppone radicalmente al sionismo. Chiede la restituzione incondizionata di tutto Israele ai palestinesi e l'abolizione dell'«entità sionista».

(Il Sole 24 Ore, 9 gennaio 2011)



Il fratello di Göring, come Schindler

di Paolo Valentino

La sua unica colpa fu di portare quel cognome. C'è voluto più di mezzo secolo perché qualcuno scovasse la verità su Albert Göring. E scoprisse che accanto alla "lista Schindler" esiste anche una "lista Göring".

(Corriere della Sera, 28 novembre 1998)